Troccoli ai sapori di mare

Quest'anno durante la mia vacanza sulla bellissima costa del Gargano, ho avuto modo di mangiare i troccoli che sono dei rustici tagliolini a sezione ovale di grana ruvida adatta a condimenti robusti. Devono il proprio nome allo speciale utensile con il quale si tagliano, un matterello munito di lame circolari chiamate “troccolo”, diretto discendente del ferro da maccheroncini cinquecentesco. Avendone appurato la loro bontà ho pensato di proporveli con i frutti di mare.



Ingredienti:
500 gr di troccoli freschi
1 kg di vongole veraci
1 kg di cozze fresche
3 calamaretti piccoli o totani
10 mazzancolle
5/6 scampetti
pomodori pachino
olio extra-vergine d'oliva
prezzemolo
1 spicchio di aglio
un po' di peperoncino
mezzo bicchiere di vino bianco secco buono

Procedimento:
Lasciamo le vongole a bagno in acqua e sale affinché perdano un po' della loro sabbia. Poi poniamole in una pentola e lasciamole aprire. Lo stesso faremo per le cozze dopo averle pulite. Sgusciamo entrambe tenendo da parte la loro acqua di cottura, ma teniamone alcune con il loro guscio per la decorazione del piatto. Tagliamo a rondelle il calamaro. Laviamo le mazzancolle e gli scampetti. In un tegame abbastanza ampio mettiamo l'olio, peperoncino e l'aglio, lasciamo insaporire, poi uniamo i calamaretti o i totani, le mazzancolle e gli scampetti. Lasciamo cuocere per 10 minuti e poi uniamo le vongole e le cozze. Sfumiamo con del vino bianco e una tazzina di acqua di cottura delle vongole e cozze, uniamo i pomodorini pachino e lasciamo evaporare fino ad ottenere un bel sughetto. Laviamo e tagliamo il prezzemolo e teniamo da parte. Cuociamo i troccoli, mettiamo nel sughetto un mestolo dell'acqua di cottura della pasta, questo farà si che il tutto si legherà meglio. Scoliamoli , saltiamoli un po' nel tegame con il sughetto. Togliamo il tegame dalla fiamma, spolveriamo con il prezzemolo e impiattiamo.

Commenti

Post più popolari