Crocchè Napoletani

I crocchè di patate (ovvero crocchette di patate) sono dei deliziosi antipasti o secondi piatti molto famosi per la loro bontà e semplicità di preparazione. Molto graditi a tavola sia dai più grandi che dai più piccoli, appartengono alla tradizione napoletana. I crocchè vengono impanati in uovo e pangrattato e poi fritti. A Napoli sono un prodotto tipico di friggitoria e si accompagnano  agli scagliozzi (fette triangolari di polenta fritte), alle pastacresciute o zeppole (frittelle fatte con acqua, farina e lievito), alle c.d. "palle di riso" (ossia arancini) e alle frittatine (frittate di pasta con besciamella).
La scelta delle patate è fondamentale per la riuscita dei crocchè. Le patate da scegliere sono quelle a pasta gialla perchè sono “farinose” o in alternativa quelle rosse 

Ingredienti:
1 kg di patate a pasta gialla
50 gr di parmigiano
30 gr di pecorino
2 cucchiaini di sale
pepe (secondo gusto)
1 scamorza 
pane grattuggiato
3 uova
50 gr di farina
prezzemolo
olio d'arachidi


Procedimento:
Laviamo bene le patate e cuociamole con tutta la buccia per 40 minuti in pentola normale, 20 minuti nella pentola a pressione. Appena pronte e ancora calde, peliamole e passiamole nello schiaccia patate. Raccogliamo la purea ottenuta in una ciotola e uniamo il parmigiano, il prezzemolo a pezzettini, il sale e il pepe. Amalgamiano bene il tutto ottenendo un impasto sodo. Inumidiamo le mani, prendiamo una cucchiaiata di impasto e poniamoci al centro un pò di scamorza. Chiudiamoli, arrotolandoli a cilindri fino al terminarli tutti. In tre ciotole mettiamo la farina, il pane grattuggiato e le uova sbattute. Passiamo i nostri crocchè nel seguente ordine: 1)farina, 2)uova, 3)pane grattuggiato.
Appena pronti poniamoli in frigo almeno mezza giornata. Friggiamoli in abbondante olio d'arachidi ben caldo a fiamma moderata finchè non si saranno dorati. Scolateli su carta assorbente e serviteli caldi.

Commenti

Post più popolari